Le Potager de Leonardo

Parigi, 2019

Un orto all’Ambasciata d’Italia a Parigi

L’Ambasciata d’Italia a Parigi, in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, ha voluto celebrare con un omaggio agli studi botanici e alle passioni gastronomiche del genio del Rinascimento: se il suo erbario è rimasto un’opera incompiuta, l’osservazione della natura _ con la quale la pittura “si confronta e lotta”_ fu alla base del suo pensiero e della sua arte.

Il Potager di Leonardo si compone di cinque ampie fioriere rialzate e di una zona adibita al compostaggio nella parte ovest del giardino dell”Hôtel de La Rochefoucauld-Doudeauville, in Rue de Varenne, sede dell’Ambasciata. L’orto, che sarà fonte di approvvigionamento per le cucine dell’Ambasciata, si pone quindi come un vero orto urbano secondo i contemporanei criteri di sostenibilità, ma anche come veicolo di diffusione e di scambio dei valori della cultura gastronomica italiana.

Il progetto, ideato da Maria Greco Naccarato, fotografa e gastronoma, con la collaborazione delle architette Muriel Consigny e Camilla Paleari, è stato curato da Filippo Pizzoni nella scelta e nella composizione delle varietà orticole. Nel Potager sono coltivati fiori e verdure ben note sin da tempi antichi, come la nepitella, la zucchina nera di Milano e la cicoria bianca, affiancate da ortaggi arrivati in seguito in Europa e messi in coltivazione in infinite cultivar, come il pomodoro rosso fiorentino, insieme a melanzane e radicchi per rappresentare la biodiversità italiana contemporanea. Le coltivazioni dell’orto proseguiranno nel tempo grazie all’aiuto di SlowFood. Il Potager di Leonardo è stato inaugurato il 28 maggio 2019 dall’Ambasciatrice d’Italia in Francia, Teresa Castaldo.